Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Emilia Romagna

02 - Chiesa di Santa Lucia oggi aula magna dell'Università degli Studi di Bologna

di Licia Giannelli
Bologna, Chiesa di Santa Lucia, facciata
Bologna, Chiesa di Santa Lucia, particolare facciata Bologna, Chiesa di Santa Lucia oggi Aula Magna dell'Università, interno navata Bologna, Chiesa di Santa Lucia oggi Aula Magna dell'Università, particolare volta del presbiterio Bologna, Chiesa di Santa Lucia oggi Aula Magna dell'Università, particolare dell'interno
Tipo
chiesa
Nazione
Italia
Regione
Emilia-Romagna
Provincia
Bologna
Comune
Bologna
Data compilazione
2007

Abstract

Attuale aula magna dell'Università di Bologna, la chiesa ha origini nel V secolo. Dal Cinquecento, insieme all'adiacente convento, fu sede dei Gesuiti che l'ampliarono e l'abbellirono. Nel XVII l'edificio fu ricostruito su modello della chiesa romana del Gesù dall'architetto Girolamo Rainaldi. Dopo la soppressione napoleonica fu destinata ad altri usi. All'interno, nella cappella dedicata a San Luigi Gonzaga si trova l'altare progettato da Alfonso Torreggiani e collocato nel 1763.

Ubicazione/Come arrivare

Via Castiglione 36

Informazioni Turistiche

apertura dal lunedì al venerdì, orario 8.30/13.30; 14.30/17.30. Tel 051.6375111

Descrizione

La facciata incompiuta della chiesa domina l'antico sagrato, oggi piazza Santa Lucia, che si apre su via Castiglione: dell'ornato previsto mostra solo i piedistalli con basi e porzioni delle colonne dell'ordine inferiore.

L'interno è costituito da una grande unica aula con cappelle laterali comunicanti, aperte sulla navata tramite ampie arcate: la tipologia è la stessa della chiesa del Gesù di Roma, riproposta qui a Bologna con proporzioni più ampie.

Addossate ai pilastri delle arcate, si elevano paraste binate corinzie che sorreggono la ricca trabeazione su cui si impostano la volta a botte con archi trasversali sopra la navata e la semi-cupola sopra l'abside

Il progetto della chiesa, non ultimato, prevedeva anche la realizzazione del transetto che avrebbe dato alla pianta la forma di croce latina. La decorazione è costituita da riquadrature, cartigli e ornamenti in stucco che impreziosiscono le linee classiche dell'impianto.

Le cappelle laterali sono coperte da cupolette, con tamburo cilindrico e pennacchi sferici, sormontate da lanterne. Nella prima a sinistra si trova l'altare progettato da Alfonso Torreggiani.

Cronologia

Le origini dell'edificio, fondato da San Petronio, risalgono al V secolo. Nel 1208, sulle fondamenta della primitiva struttura, venne ricostruita una chiesa che ospitò i canonici Lateranensi di San Giovanni in Monte fino al 1418.

Nel 1537, il parroco della chiesa, dedicata a Santa Lucia, accolse l'Apostolato delle Indie di San Francesco Saverio al quale si unirono, nel 1548, numerosi padri gesuiti che si insediarono in alcune case vicine e successivamente, con bolla papale di Pio IV del 1562, presero possesso della chiesa e della parrocchia.

Nel 1570 fu fondato l'adiacente Collegio di Santa Lucia, affidato agli stessi Gesuiti che, cinque anni dopo, prolungarono e abbellirono la chiesa, poi consacrata dal cardinale Gabriele Paleotti (1522-1597).

Nel 1623 iniziò la ricostruzione della fabbrica che, come consuetudine, doveva ispirarsi alla chiesa del Gesù di Roma: fu l'architetto Giovan Battista Aleotti (1546-1636) ad eseguire i primi disegni, ma il progetto definitivo, che segue i requisiti fissati esattamente dai padri, è probabilmente dell'architetto romano Girolamo Rainaldi (1570-1655).

I lavori avanzarono lentamente proseguendo fino all'inizio del XVIII secolo e lasciando incompiuta la facciata. I Gesuiti, nel frattempo, avevano acquisito tutte le case comprese tra la chiesa e via Cartoleria e costruito anche il convento, il collegio, le scuole, la biblioteca e il portico su strada.

Abolita la Compagnia del Gesù nel 1773, l'intero complesso passò ai padri Barnabiti. Con la soppressione napoleonica questi conservarono solo la chiesa che dopo l'istituzione del Regno d'Italia fu adibita nel 1874 a caserma militare e poi destinata a palestra del vicino Liceo Galvani, e a laboratorio dell'Istituto Tecnico Industriale Aldini Valeriani.

Sventato il pericolo di una trasformazione integrale, prevista da avventati progetti del primo Novecento e ristrutturata negli anni 1986-88, la chiesa è ora sede dell'aula magna dell'Università degli Studi di Bologna.

Segue intervento di Alfonso Torreggiani in OPERE COLLEGATE

Bibliografia

R. BÖSEL, La chiesa di Santa Lucia. L'invenzione spaziale nel contesto dell'architettura gesuitica, in G. P. BRIZZI, A. M. MATTEUCCI (a cura di), "Dall'isola alla città. I Gesuiti a Bologna", Bologna 1988, pp.19-32

 

Mappa

Itinerari collegati

Alfonso Torreggiani, architetto. Edifici ecclesiastici a Bologna
  • Tipo storico-architettonico
  • Nazione Italia
  • Regione Emilia-Romagna
  • Provincia Bologna

L'itinerario presenta opere realizzate da Alfonso Torreggiani a Bologna dal 1725 e situate quasi tutte nel centro storico. Commissionati dalla Curia e dagli ordini conventuali, dall'aristocrazia cittadina e dal ceto borghese, gli interventi vanno dalla progettazione di nuovi edifici, al rinnovamento di altri con la realizzazione di facciate o l'inserimento di scaloni, alla direzione dei lavori. L'itinerario è suddiviso in due percorsi che collegano gli edifici ecclesiastici e quelli civili.

Segretariato regionale del Ministero per i beni e le attività culturali per l'Emilia-Romagna
C.F. 91220990377 - codice iPA per fatturazione elettronica: BQ9N1I
Strada Maggiore, 80 - 40125 - Bologna - Italia
Tel. 39 051 4298211 - Fax. 39 051 4298277

Lun-Ven: 9.00-17.00

e-mail: sr-ero@beniculturali.it - mbac-sr-ero@mailcert.beniculturali.it

  
fb
icon youtube icona twitter