Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Emilia Romagna

01 -Castello di Calendasco

Calendasco (Pc) - Castello
Calendasco (Pc) - Castello Calendasco (Pc) - Castello Calendasco (Pc) - Castello Calendasco (Pc) - Castello
Tipo
castello
Nazione
Italia
Regione
Emilia-Romagna
Provincia
Piacenza
Comune
Calendasco

Abstract

Il castello risale al IX secolo. Appartenne al Vescovo di Piacenza, agli Arcelli, ai Confalonieri, agli Sforza e agli Scotti. Nel 1346 fu distrutto da fuorusciti piacentini, nel 1372 fu riedificato dai guelfi contro i Visconti.
Conserva ancora l’aspetto trecentesco, il fossato, l’ingresso un tempo con ponte levatoio e la pusterla. Attualmente appartiene in parte al Comune e in parte a privati.
Fa parte di un antico borgo in mattoni comprendente la fortezza, il recetto, la chiesa e l’hospitale.

Ubicazione/Come arrivare

12 Km da Piacenza

Descrizione

Calendasco è un piccolo Comune alle porte di Piacenza. Menzionato in un documento del 990, é situato nelle vicinanze di uno dei guadi che consentiva di attraversare il grande fiume ai pellegrini della via Francigena in viaggio verso Roma.

Il Castello di Calendasco, la cui origine risale al IX secolo, é il più settentrionale dei castelli ad occidente di Piacenza. Sorge fra due anse del Po, sopra un lieve rilievo del terreno. Indicato nel 1187 in un documento di Papa Urbano II, appartenne prima al Vescovo di Piacenza, poi, nel XIII e XIV secolo, agli Arcelli, ai Confalonieri, agli Sforza, agli Scotti. Nel 1346, venne distrutto da fuorusciti piacentini e nel 1372 fu ricostruito dai guelfi come caposaldo della resistenza anti-viscontea. Nel 1913, l'ultimo proprietario, il giurista Giuseppe Scopesi della Capanna, lo lasciò ad una congregazione di carità che lo cedette al Comune.

Nell'attuale complesso, costruito interamente in mattoni, si distinguono chiaramente la fortezza ed il recetto Questi edifici assieme alla chiesa e all'hospitale dei pellegrini formavano un tempo il Borgo di Calendasco. Il corpo della fortezza ha elementi tipici dei castelli padani trecenteschi, quali il motivo a denti di sega accostato al coronamento a finestrelle con archi ribassati. Sono ancora visibili il profondo fossato, l'ingresso, un tempo dotato di ponte levatoio come si vede dagli incassi del rivellino, e la pusterla, o piccola porta, ad accesso levatoio. A sud è una torre semicircolare molto più alta rispetto al resto dell'edificio; l'ala di nord-est, dotata di scarpa e dall' aspetto rustico e privo di omogeneità, risale ad epoca successiva. L'androne, coperto da volta a crociera decorata con affreschi cinquecenteschi, immette nel cortile dove é visibile un portico a tre fornici. Il recetto, un corpo rustico con finestrelle ad arco scemo e motivo decorativo a denti di sega, è all'esterno del fossato, presso il battiponte.

Attualmente il castello appartiene in parte al Comune di Calendasco e in parte a privati che ne hanno ricavato abitazioni.

 

Cronologia

IX secolo

Bibliografia

S. MAGGI, C. ARTOCCHINI, I castelli del Piacentino nella storia e nella leggenda, Piacenza 1967.

C. ARTOCCHINI, Castelli piacentini, Piacenza 1983

L.CAFFERINI, Piacenza e la sua Provincia, Castelveltro Piacentino (Pc) 2005, pp. 255-256

C. PEROGALLI, Castelli e rocche di Emilia e Romagna, Novara 1994, p. 145

Mappa

Itinerari collegati

Castelli della Val Trebbia
  • Tipo storico-artistico
  • Nazione Italia
  • Regione Emilia-Romagna
  • Provincia Piacenza

Il fiume Trebbia origina la sua omonima vallata, che si estende dalle montagne liguri fino alla pianura padana.
La strada che percorre la valle collega Genova a Piacenza, ricalcando in parte la via del sale dei monaci di San Colombano, che fecero di Bobbio un centro di grande importanza economica e culturale.
La parte bassa della Val Trebbia, invece, fu legata alle casate feudali dei Landi e degli Anguissola, che spodestarono i Malaspina e costruirono i castelli che si affacciano sul fiume.

Segretariato regionale del Ministero per i beni e le attività culturali per l'Emilia-Romagna
C.F. 91220990377 - codice iPA per fatturazione elettronica: BQ9N1I
Strada Maggiore, 80 - 40125 - Bologna - Italia
Tel. 39 051 4298211 - Fax. 39 051 4298277

Lun-Ven: 9.00-17.00

e-mail: sr-ero@beniculturali.it - mbac-sr-ero@mailcert.beniculturali.it

  
fb
icon youtube icona twitter