Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Emilia Romagna

03 - Castello di Gazzola

di Monica Bettocchi
Gazzola (Pc) - Castello
Gazzola (Pc) - Castello Gazzola (Pc) - Castello
Tipo
castello
Nazione
Italia
Regione
Emilia - Romagna
Provincia
Piacenza
Comune
Gazzola
Data compilazione
2007

Abstract

Documentato dal 1372 come possessione di Bartolomeo Dolzani, nel XV secolo il castello passò agli Anguissola e nel XIX ai Monelli e ai Mascaretti.
Oggi è ben conservata la pianta trecentesca, mentre gli ambienti interni e il fronte verso il cortile sono stati modificati, nei secoli, per soddisfare le esigenze delle famiglie proprietarie. A occidente presenta due torri angolari, ruotate di 45 gradi per contrastare gli attacchi, sul fronte opposto un portico e una loggia.
Oggi è sede municipale.

Ubicazione/Come arrivare

22 Km da Piacenza

Descrizione

Gazzola deriva dal vocabolo longobardo gahagi, ovvero terreno non coltivato sottratto dal godimento comune. Il castello, situato su un terreno pianeggiante, è documentato nel 1372 fra le proprietà di Bartolomeo Dolzani e nel Quattrocento fra quelle degli Anguissola. Dopo essere andato a diverse casate, nel XIX passò ai Monelli e nel 1850 ai Mascaretti.

Nei secoli e nei passaggi di proprietà, il castello venne modificato per soddisfare le diverse esigenze delle famiglie proprietarie. Le trasformazioni interessarono soprattutto gli ambienti interni e il fronte verso il cortile mentre ancora oggi rimane ben conservata la pianta trecentesca.

Il corpo ad occidente, che affaccia sulla distesa pianeggiante esterna al paese, ha agli angoli due torri ruotate di 45 gradi, una collocazione ottimale per contrastare gli attacchi. Nello stesso corpo, ma sul fronte opposto, sono un portico al piano terra ed una loggia al piano superiore. All'interno, un grande salone ospita sul camino lo stemma araldico della famiglia Monelli.

Attualmente il castello ospita la sede municipale.

 

Cronologia

XIV secolo

Bibliografia

S. MAGGI, C. ARTOCCHINI, I castelli del Piacentino nella storia e nella leggenda, Piacenza 1967.

C. ARTOCCHINI, Castelli piacentini, Piacenza 1983

L.CAFFERINI, Piacenza e la sua Provincia, Castelveltro Piacentino (Pc) 2005, pp. 270-271

C. PEROGALLI, Castelli e rocche di Emilia e Romagna, Novara 1994, p. 166

Mappa

Itinerari collegati

Castelli della Val Trebbia
  • Tipo storico-artistico
  • Nazione Italia
  • Regione Emilia-Romagna
  • Provincia Piacenza

Il fiume Trebbia origina la sua omonima vallata, che si estende dalle montagne liguri fino alla pianura padana.
La strada che percorre la valle collega Genova a Piacenza, ricalcando in parte la via del sale dei monaci di San Colombano, che fecero di Bobbio un centro di grande importanza economica e culturale.
La parte bassa della Val Trebbia, invece, fu legata alle casate feudali dei Landi e degli Anguissola, che spodestarono i Malaspina e costruirono i castelli che si affacciano sul fiume.

Segretariato regionale del Ministero per i beni e le attività culturali per l'Emilia-Romagna
C.F. 91220990377 - codice iPA per fatturazione elettronica: BQ9N1I
Strada Maggiore, 80 - 40125 - Bologna - Italia
Tel. 39 051 4298211 - Fax. 39 051 4298277

Lun-Ven: 9.00-17.00

e-mail: sr-ero@beniculturali.it - mbac-sr-ero@mailcert.beniculturali.it

  
fb
icon youtube icona twitter