Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Emilia Romagna

06 - Castello di Momeliano

di Monica Bettocchi
Gazzola (Pc) - Castello di Momeliano
Gazzola (Pc) - Castello di Momeliano Gazzola (Pc) - Castello di Momeliano Gazzola (Pc) - Castello di Momeliano Gazzola (Pc) - Castello di Momeliano
Tipo
castello
Nazione
Italia
Regione
Emilia-Romagna
Provincia
Piacenza
Comune
Gazzola
Località
Momeliamo
Data compilazione
2007

Abstract

Le prime notizie dell’attuale castello risalgono al 1373, quando da qui fu allontanato un presidio visconteo. Nel XV secolo appartenne a Giovanni Albesi e poi ad Antonio Ceresa.
Costruito in sassi verso la metà del 1300, presenta pianta quadrata con tre torri angolari rotonde, una quadrata, e un bel cammino di ronda.
Attualmente è di proprietà privata e ospita le cantina di un’azienda vitivinicola.

Ubicazione/Come arrivare

22 Km da Piacenza

Descrizione

Momeliano, citata già nella tavola Traiana, é posta sulla riva destra del torrente Luretta, in posizione dominante la pianura padana. Un castello del X secolo appartenente alla Mensa vescovile di Piacenza, vi fu distrutto nel 1234 da Guglielmo Landi.

Le prime notizie dell'attuale castello, risalgono al 1373, quando Raffaello Bolzoni allontanò il presidio visconteo nella guerra mossa da papa Gregorio XI contro Galeazzo II Visconti. Nel 1488 il fortilizio fu di Giovanni Albesi, detto Rubino, e nel 1491 di Antonio Ceresa.

Costruito in sassi intorno alla metà circa del 1300, fu variamente modificato fino al periodo rinascimentale. Molto ben conservato, presenta pianta quadrata con torri angolari sporgenti rotonde, eccetto quella occidentale, quadrata, e un bel cammino di ronda. Sono ancora visibili le tracce degli incastri del ponte levatoio; la merlatura, ora chiusa ad arco e percorribile per mezzo di uno stretto corridoio; le finestre ad arco acuto, ora murate; la loggia verso il cortile, con due coppie di archi.

Attualmente il castello di proprietà privata ospita le cantine dell'Azienda vitivinicola collocata nel perimetro delle mura esterne.

Cronologia

XIV secolo

Bibliografia

S. MAGGI, C. ARTOCCHINI, I castelli del Piacentino nella storia e nella leggenda, Piacenza 1967.

C. ARTOCCHINI, Castelli piacentini, Piacenza 1983

L.CAFFERINI, Piacenza e la sua Provincia, Castelveltro Piacentino (Pc) 2005, pp. 268-269

C. PEROGALLI, Castelli e rocche di Emilia e Romagna, Novara 1994, p. 167

Mappa

Itinerari collegati

Castelli della Val Trebbia
  • Tipo storico-artistico
  • Nazione Italia
  • Regione Emilia-Romagna
  • Provincia Piacenza

Il fiume Trebbia origina la sua omonima vallata, che si estende dalle montagne liguri fino alla pianura padana.
La strada che percorre la valle collega Genova a Piacenza, ricalcando in parte la via del sale dei monaci di San Colombano, che fecero di Bobbio un centro di grande importanza economica e culturale.
La parte bassa della Val Trebbia, invece, fu legata alle casate feudali dei Landi e degli Anguissola, che spodestarono i Malaspina e costruirono i castelli che si affacciano sul fiume.

Segretariato regionale del Ministero per i beni e le attività culturali per l'Emilia-Romagna
C.F. 91220990377 - codice iPA per fatturazione elettronica: BQ9N1I
Strada Maggiore, 80 - 40125 - Bologna - Italia
Tel. 39 051 4298211 - Fax. 39 051 4298277

Lun-Ven: 9.00-17.00

e-mail: sr-ero@beniculturali.it - mbac-sr-ero@mailcert.beniculturali.it

  
fb
icon youtube icona twitter