Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Emilia Romagna

06 - Castello di Seminò

di Monica Bettocchi
Ziano (Pc) - Castello di Seminò
Ziano (Pc) - Castello di Seminò Ziano (Pc) - Castello di Seminò Ziano (Pc) - Castello di Seminò
Tipo
castello
Nazione
Italia
Regione
Emilia Romagna
Provincia
Piacenza
Comune
Ziano Piacentino
Località
Seminò
Data compilazione
2007

Abstract

Il castello sorge su un colle e risale probabilmente ad un’epoca anteriore al Mille. Nel XIII secolo apparteneva a Federico II di Svevia e nel XIV ai Leccacorvi.
Ha una forma particolare, dovuta ai due corpi paralleli, e una scalinata in laterizio che ha sostituito il ponte levatoio originario. A nord possedeva una muraglia, che nel XVII secolo fu abbattuta dalla famiglia Scotti per reimpiegarne i materiali in una nuova chiesa vicino Montalbo.

Ubicazione/Come arrivare

27 Km da Piacenza

Informazioni Turistiche

Il castello è visitabile solo dall'esterno

Descrizione

La strada, che conduce al colle sui cui sorge il castello si sviluppa in un paesaggio geometrizzato da  estesi vigneti, disposti in filari e su terreni calcareo-argillosi che si protendono fino al Rio Lora e al Torrente Bardonezza.

L'origine del castello, probabilmente è da collocare in epoca anteriore al Mille, in quanto in un documento del 1027, inerente la scomparsa chiesa di Santa Mustiola, si afferma che questa sorgeva nei pressi del fortilizio. Sicuramente la collocazione su un colle del castello permetteva, come per altre fortezze della Val Tidone, di assolvere le funzioni di caposaldo strategico contro le numerose incursioni dei Pavesi. Dal testo dello studioso Andrea Corna, il quale esamina il Registro del Comune di Piacenza, emerge, nel 1199, l'impegno di Seminò per aggiungere, in accordo con Piacenza, un dongione al castello. Nel 1249, il maniero era in possesso di Federico II di Svevia, che ne fece luogo di prigionia di diversi dignitari ecclesiastici ed ambasciatori pontifici in viaggio verso il Concilio di Lione. Nel 1347 il fortilizio ed il feudo di Seminò appartenevano ai Leccacorvi, il cui capostipite venne ricordato per essersi distinto nella battaglia di Mortasa, al fianco di Carlo Magno: a loro Semino' rimase fino al 1597, anno in cui la famiglia si estinse con la morte del marchese Lodovico.

Attualmente, il castello ha una forma assai particolare, data da due corpi di fabbrica paralleli, uno ad oriente e l'altro ad occidente. Il primo, verso il cortile, ospita il portico al piano terreno e una loggia al piano superiore, entrambi a sette fornici; il secondo appare molto meno profondo. Lo studioso Carlo Perogalli, ipotizza che verso il lato meridionale, dovesse esserci un terzo volume che avrebbe conferito all'edificio una pianta ad U con torri angolari. Originariamente si accedeva all'interno tramite il ponte levatoio, di cui resta traccia sulla muratura, oggi sostituito da una scalinata in laterizio. A settentrione, inoltre, era presente una muraglia abbattuta dalla famiglia Scotti nel secolo XVII per ottenere materiale da utilizzare nella costruzione di una nuova chiesa nei pressi di Montalbo.

Cronologia

XIII secolo

Bibliografia

S. MAGGI, C. ARTOCCHINI, I castelli del Piacentino nella storia e nella leggenda, Piacenza 1967.

C. ARTOCCHINI, Castelli piacentini, Piacenza 1983.

L.CAFFERINI, Piacenza e la sua Provincia, Castelveltro Piacentino(Pc) 2005, p. 196

C. PEROGALLI, Castelli e rocche di Emilia e Romagna, Novara 1994, p. 211

A. CORNA, Castelli e Rocche del Piacentino, Piacenza 1931

Mappa

Itinerari collegati

Castelli della Val Tidone
  • Tipo storico-artistico
  • Nazione Italia
  • Regione Emilia-Romagna
  • Provincia Piacenza

Nella zona bassa della Val Tidone sorsero dal Medioevo numerosi castelli, a difesa della pianura piacentina minacciata dagli attacchi provenienti dal vicino confine pavese.
Qui dominarono i Malaspina, i Dal Verme, i Da Fontana, gli Arcelli, i Malvicini e gli Zandemaria.

Segretariato regionale del Ministero per i beni e le attività culturali per l'Emilia-Romagna
C.F. 91220990377 - codice iPA per fatturazione elettronica: BQ9N1I
Strada Maggiore, 80 - 40125 - Bologna - Italia
Tel. 39 051 4298211 - Fax. 39 051 4298277

Lun-Ven: 9.00-17.00

e-mail: sr-ero@beniculturali.it - mbac-sr-ero@mailcert.beniculturali.it

  
fb
icon youtube icona twitter