Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Emilia Romagna

04 - Rimini - Porta Galliana

di Barbara Vernia
Rimini, Porta Galliana, la struttura vista in rapporto al porto canale.
Rimini, Porta Galliana, la struttura vista da est.
Tipo
Porta urbica
Nazione
Italia
Regione
Emilia-Romagna
Provincia
Rimini
Comune
Rimini
Data compilazione
2007

Abstract

Già inserita nel circuito delle mura duecentesche, Porta Galliana derivò il suo nome dagli antichi proprietari del fondo sul quale fu edificata. Punto di passaggio fra la città e la zona portuale e dunque centro del traffico mercantile della città, fu restaurata e abbellita all’epoca di Sigismondo Pandolfo Malatesta. Caduta in disuso, la porta fu in seguito interrata fino al piano attuale che lascia scoperta solo la parte alta dell’antica struttura.

Ubicazione/Come arrivare

Rotonda dei Mille e via Bastioni Settentrionali

Informazioni Turistiche

Libero accesso

Descrizione

Porta cittadina in gran parte interrata, di cui si riconosce la cuspide dell'arco a sesto acuto, in pietra, frutto di lavori voluti da Sigismondo Pandolfo Malatesta, mentre la parte in muratura presenta frammenti originali. Essa si lega ai tratti più antichi delle mura che corrono lungo il porto canale (ex alveo del Marecchia), appartenenti alla cerchia muraria medievale e visibili dal parapetto che corre sulle mura stesse.

Porta Galliana fa parte della cinta muraria duecentesca, e deriva il suo nome dal fatto di sorgere in quella che al tempo era un proprietà della famiglia Galliani. Svolgeva il fondamentale ruolo di collegamento tra la città e la zona portuale lungo il fiume Marecchia, unendo pertanto l'area del potere cittadino alla zona commerciale più attiva: da lì passavano uomini e merci legati alle attività e a i beni ecclesiastici così come quelli del Comune ed infine dei Malatesta, tanto che a metà del XV secolo Sigismondo Pandolfo Malatesta promosse lavori di restauro e abbellimento che hanno portato alla forma attuale. Presto tuttavia la struttura decadde a favore di altre porte oggi a loro volta scomparse, e subì un degrado che la ridusse all'interramento e, in seguito, ad ospitare all'interno del varco un condotto fognario risalente probabilmente al XVII secolo.

Cronologia

XIII-XV d.C.

Bibliografia

O. DELUCCA, L'abitazione riminese nel quattrocento, 2 (La casa cittadina), Rimini 2006, p. 928.

http://www.comune.rimini.it/servizi/citta/monumenti/pagina21.html

 

Mappa

Itinerari collegati

Le cittą murate lungo la via Emilia
  • Tipo storico-archeologico
  • Nazione Italia
  • Regione Emilia-Romagna
  • Provincia Province varie

Nel territorio romagnolo, percorrendo la via Emilia da Rimini fino a Imola, si incontrano numerosi centri urbani nei quali si conservano ancora oggi da mura, torrioni, porte e rocche. Questo sistema difensivo, comprendente a volte vestigia di costruzioni più antiche, fu creato in modo sistematico dalle potenti famiglie che governavano a vario titolo questi territori fra XIV e XVI secolo e ancora oggi caratterizza il tessuto urbanistico delle città romagnole.

Segretariato regionale del Ministero per i beni e le attività culturali per l'Emilia-Romagna
C.F. 91220990377 - codice iPA per fatturazione elettronica: BQ9N1I
Strada Maggiore, 80 - 40125 - Bologna - Italia
Tel. 39 051 4298211 - Fax. 39 051 4298277

Lun-Ven: 9.00-17.00

e-mail: sr-ero@beniculturali.it - mbac-sr-ero@mailcert.beniculturali.it

  
fb
icon youtube icona twitter