Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Emilia Romagna

15 - Verucchio - Mura del Fossato

di Barbara Vernia
Verucchio (Rimini), mura di cinta, veduta generale.
Verucchio (Rimini), mura di cinta con torrione. Verucchio (Rimini), particolare del torrione.
Tipo
Mura cittadine
Nazione
Italia
Regione
Emilia Romagna
Provincia
Rimini
Comune
Verucchio
Località
Verucchio
Data compilazione
2007

Abstract

La cinta muraria fu realizzata a partire dal XIV secolo; di quest’epoca si conserva la parte intorno alla porta di S. Agostino. L’intervento successivo si deve a Sigismondo Pandolfo Malatesta; attualmente è percorribile la ronda.

Ubicazione/Come arrivare

Via Mura del Fossato

Informazioni Turistiche

Libero accesso

Descrizione

Mura di cinta di epoca malatestiana restaurate: attualmente si percorre la ronda ed è stata ripristinata la scarpata che formava il fossato difensivo, realizzato solo in una parte dell'abitato.

Appartengono alla struttura difensiva anche i tre torrioni poligonali e la porta di S. Agostino, oltre la quale c'è il convento omonimo, risalente al XIV secolo e oggi sede del Museo Archeologico.

La porta, riutilizzata in edifici successivi, è formata da due arcate, una delle quali ha mantenuto l'arco a sesto acuto originale.

La cinta muraria ripristinata risale alle prime fortificazioni dell'abitato e, nonostante gli interventi di Sigismondo Pandolfo Malatesta, è in parte ancora quella del XIV secolo, in particolare all'altezza della porta di S. Agostino, cosiddetta perché portava all'omonimo convento, lasciato fuori dal circuito murario.

Cronologia

XIV-XV sec. d.C.

Bibliografia

L. BERNARDI, Verucchio: guida storico-artistica illustrata, Verucchio 2004, p. 45, 51.

Guida alla signoria dei Malatesta: in viaggio nelle colline riminesi, Rimini 2005, p. 52-53.

Mappa

Itinerari collegati

Le cittą murate della bassa valle del Marecchia
  • Tipo storico-archeologico
  • Nazione Italia
  • Regione Emilia-Romagna
  • Provincia Rimini

Risalendo il fiume Marecchia da Rimini verso l’Appennino ci si inoltra in una valle ricca di complessi fortificati, borghi, rocche e fattorie nati dalla necessità, evidente soprattutto a partire dal Medioevo, di controllo e presidio su una via di comunicazione e di commerci fra l’Adriatico, l’Appennino e la Toscana. Il territorio si è sviluppato nel rispetto delle testimonianze antiche, tanto che ancora oggi è possibile apprezzarne la presenza.

Segretariato regionale del Ministero per i beni e le attività culturali per l'Emilia-Romagna
C.F. 91220990377 - codice iPA per fatturazione elettronica: BQ9N1I
Strada Maggiore, 80 - 40125 - Bologna - Italia
Tel. 39 051 4298211 - Fax. 39 051 4298277

Lun-Ven: 9.00-17.00

e-mail: sr-ero@beniculturali.it - mbac-sr-ero@mailcert.beniculturali.it

  
fb
icon youtube icona twitter