Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Emilia Romagna

03 - Borghi - Mura

di Barbara Vernia
Borghi (Forlì-Cesena), panoramica del borgo
Borghi (Forlì-Cesena), ponte e arco d'accesso prima delle distruzioni della Seconda Guerra Mondiale Borghi (Forlì-Cesena), ponte d’accesso attuale Borghi (Forlì-Cesena), tratto delle mura ovest verso la torre angolare Borghi (Forlì-Cesena), tratto delle mura ovest verso il ponte d'accesso
Tipo
Mura cittadine
Nazione
Italia
Regione
Emilia Romagna
Provincia
Forlì-Cesena
Comune
Borghi
Località
Borghi
Data compilazione
2007

Abstract

I lavori di ripristino, degli anni Cinquanta, hanno restituito quasi tutto il circuito delle mura del castello malatestiano, distrutto durante la Seconda Guerra Mondiale. Borghi si presenta come un piccolo borgo sopra un podio circondato dalle mura, che comprende due torrioni circolari angolari e due ingressi. Le mura attuali ricalcano, anche nei materiali, quelle realizzate al tempo di Sigismondo Pandolfo Malatesta a metà del XV secolo, e ristrutturate dal Sassatelli nel XVI secolo.

Ubicazione/Come arrivare

Via del Poggio

Informazioni Turistiche

Libero accesso

Descrizione

I lavori di ripristino degli anni Cinquanta hanno restituito quasi tutto il circuito di cinta del castello malatestiano, distrutto durante la Seconda Guerra Mondiale: il paese di Borghi si presenta così come un piccolo borgo, appunto, sopra un podio formato dalle mura, comprendente due torrioni circolari angolari. È possibile osservarne tutto il perimetro, nel quale sono stati ricavati due ingressi: uno moderno formato da una rampa di scale sul lato orientale, mentre una rampa d'accesso carrozzabile è situata sul lato occidentale, al posto della porta fortificata d'ingresso, abbattuta alla fine dell'ultimo conflitto mondiale. Le mura attuali ricalcano, anche nei materiali, quelle realizzate al tempo di Sigismondo Pandolfo Malatesta a metà del XV secolo, e ristrutturate da Camillo Sassatelli a metà del XVI: esse hanno continuato a chiudere i luoghi principali del villaggio, come la chiesa di S. Croce, visibile nel rifacimento settecentesco, e la cisterna per la riserva dell'acqua segnalata dalla loggetta ottocentesca.

Diversi insediamenti sono sorti durante il Medioevo nella zona dove sorge attualmente il centro di Borghi: il castrum Converseti ad alcune centinaia di metri dall'attuale centro, la pieve di S. Martino in Converseto poco distante, il piccolo castello di Raggiano, ed infine, dopo la distruzione di quest'ultimo, il Poggio dei Borghi. Questo è documentato a partire dal XIV secolo, quando è sottoposto alla giurisdizione di Santarcangelo e viene distrutto da un esercito inviato dai Visconti. Passato sotto il controllo malatestiano, venne tenuto attorno alla metà del XV secolo da Antonio degli Atti, fratello di Isotta, moglie di Sigismondo Pandolfo, che curò lavori di radicale ristrutturazione del castello. Dopo la fine della signoria dei Malatesta, il castello passò per vari proprietari fino alla famiglia Passatelli, che lo tenne dal 1484 al 1579, quando tornò definitivamente alla Santa Sede assumendo progressivamente il carattere di un borgo rurale.

Cronologia

XV-XVI sec. d.C.

Bibliografia

S. FOSCHI, Storia illustrata di Borghi, Bologna 1988, p. 9-16.

http://www.comune.borghi.fc.it/amm/allegati/107_Borghi storia.doc

http://www.comune.borghi.fc.it/amm/allegati/138_Cosa visitare.doc

Mappa

Itinerari collegati

Le città murate della valle del Rubicone e della valle dell'Uso
  • Tipo storico-archeologico
  • Nazione Italia
  • Regione Emilia-Romagna
  • Provincia Forlì-Cesena

A nord della valle del Marecchia, si allineano quelle del Rubicone e dell’Uso. Lungo il percorso sorgono una serie di borghi, che furono fortificati nel basso Medioevo e il Rinascimento. Le più antiche testimonianze risalgono all’età romana. In seguito l’autorità ecclesiastica sviluppò importanti infrastrutture, che divennero importanti centri di aggregazione per le comunità rurali. Più tardi arrivarono le famiglie aristocratiche riminesi e dei Montefeltro a realizzare complessi fortificati.

Segretariato regionale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per l'Emilia-Romagna
C.F. 91220990377 - codice iPA per fatturazione elettronica: BQ9N1I
Strada Maggiore, 80 - 40125 - Bologna - Italia
Tel. 39 051 4298211 - Fax. 39 051 4298277

Lun-Ven: 9.00-17.00

e-mail: sr-ero@beniculturali.it - mbac-sr-ero@mailcert.beniculturali.it

  
fb
icon youtube icona twitter