Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Emilia Romagna

15 - Roncofreddo - Torre civica e resti delle mura

di Barbara Vernia
Roncofreddo (Forlì-Cesena), la torre dell’orologio.
Roncofreddo (Forlì-Cesena), la torre dell’orologio, particolare dell’antica porta di accesso al castello. Roncofreddo (Forlì-Cesena), torrione delle mura. Roncofreddo (Forlì-Cesena), un tratto delle mura di cinta presso il torrione.
Tipo
Resti del castello
Nazione
Italia
Regione
Emilia-Romagna
Provincia
Forlì-Cesena
Comune
Roncofreddo
Località
Roncofreddo

Abstract

Luogo già menzionato prima del 1000. Dal XIII secolo venne fortificato e in quello successivo fu oggetto di interesse da parte dei Malatesta, ma già aveva perso di importanza strategica. Durante il XVII secolo passò sotto il controllo della Santa Sede, ma subì il degrado delle strutture fino all’abbattimento dei ruderi alla fine del XIX secolo. Rimangono l’arco sotto la torre dell’orologio, del XIV secolo, e la piazzetta semicircolare, che ricorda quella di accesso al maschio, ormai scomparso.

Ubicazione/Come arrivare

Via Trotti e via Porta Pia

Informazioni Turistiche

Libero accesso

Descrizione

Delle strutture fortificate di Roncofreddo, situato nei pressi di un'area ancora oggi quasi intatta dal punto di vista naturalistico, rimangono due piccoli ma significativi nuclei. A fianco del palazzo comunale un vicolo scosceso passa sotto la torre dell'orologio, che insieme alle murature circostanti costituisce la trasformazione della porta d'accesso al castello, il cui arco è ancora originale, risalente al XIV secolo e ristrutturato nelle forme odierne nel XVIII secolo.

Oltre l'arco, la piazzetta semicircolare ricalca ancora quella d'accesso al maschio, oggi completamente scomparso. Lungo il viale che costeggia la collina su cui sorge il nucleo del paese sono ancora visibili alcuni tratti delle mura perimetrali del borgo, a sud-est e a nord-est, compresi un bastione e un torrione angolare molto rimaneggiato. Tutte le strutture sono state sottoposte a recenti lavori di restauro.

Nella stessa zona altre strutture difensive si segnalano per la loro significativa presenza e per il fatto che creano un circuito di visita assai interessante di borghi fortificati ubicati sulle colline tra Rimini e Cesena e affacciati sulla pianura, quali Sorrivoli, Monteleone e Montecodruzzo.

Il borgo di Roncofreddo, di cui rimane incerta l'origine del nome, è stato per lungo tempo di importanza secondaria rispetto a Longiano per l'aspetto amministrativo e militare, e rispetto a Santa Paola per l'aspetto religioso. Tuttavia il luogo è già menzionato prima del 1000 come fondo, senza la menzione di insediamenti. Dal XIII secolo il sito venne fortificato e nel secolo successivo fu oggetto dell'interessamento da parte dei Malatesta, di Rimini prima, di Cesena (con Malatesta Novello) poi e infine del ramo di Sogliano. A quel punto però il borgo fortificato aveva già perso l'importanza strategica dei secoli precedenti e quando durante il XVII secolo passò sotto il controllo della Santa Sede, la lenta decadenza si trasformò in un'inesorabile degrado delle strutture fino all'abbattimento dei ruderi alla fine del XIX secolo e allo smantellamento di Porta Pia nel 1940.

Cronologia

Dal XIV sec.

Bibliografia

Guida al comune di Roncofreddo, Cesena 1995, p. 12-13.

www.comune.roncofreddo.fo.it/Index.aspx?type=localita&cat=0&id=1

http://www.comunitamontanaappenninocesenate.it/comuni/roncofreddo2.php

http://www.terredelrubicone.it/italiano/edifici-scheda.php?id=82

http://www.terredelrubicone.it/italiano/edifici-scheda.php?id=84

Mappa

Itinerari collegati

Le città murate della valle del Rubicone e della valle dell'Uso
  • Tipo storico-archeologico
  • Nazione Italia
  • Regione Emilia-Romagna
  • Provincia Forlì-Cesena

A nord della valle del Marecchia, si allineano quelle del Rubicone e dell’Uso. Lungo il percorso sorgono una serie di borghi, che furono fortificati nel basso Medioevo e il Rinascimento. Le più antiche testimonianze risalgono all’età romana. In seguito l’autorità ecclesiastica sviluppò importanti infrastrutture, che divennero importanti centri di aggregazione per le comunità rurali. Più tardi arrivarono le famiglie aristocratiche riminesi e dei Montefeltro a realizzare complessi fortificati.

Segretariato regionale del Ministero per i beni e le attività culturali per l'Emilia-Romagna
C.F. 91220990377 - codice iPA per fatturazione elettronica: BQ9N1I
Strada Maggiore, 80 - 40125 - Bologna - Italia
Tel. 39 051 4298211 - Fax. 39 051 4298277

Lun-Ven: 9.00-17.00

e-mail: sr-ero@beniculturali.it - mbac-sr-ero@mailcert.beniculturali.it

  
fb
icon youtube icona twitter