Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Emilia Romagna

11 - Montiano - Rocca Malatestiana

di Barbara Vernia
Montiano (Forlì-Cesena), la cortina muraria della rocca vista da nord-est.
Montiano (Forlì-Cesena), l’ingresso alla rocca. Montiano (Forlì-Cesena), portale marmoreo dell’ingresso alla rocca. Montiano (Forlì-Cesena), rocca, i bastioni a sud-est. Montiano (Forlì-Cesena), rocca, la corte interna e il palazzo signorile.
Tipo
Castello residenziale
Nazione
Italia
Regione
Emilia-Romagna
Provincia
Forlì-Cesena
Comune
Montiano
Località
Montiano

Abstract

Il recente restauro ha ripristinato la rocca gravemente danneggiata dalle bombe. Oggi sono visibili la cinta muraria, dalla caratteristica forma a cuore, con il bel portale d’ingresso in marmo, i bastioni e il massiccio palazzo dei Malatesta, poi Spada. Il castello è uno dei più antichi della Romagna, esisteva già nel IX secolo, in mano all’Arcivescovo di Ravenna. Dopo l’occupazione del Valentino passò allo Stato della Chiesa, che lo concesse ai Malatesta, i quali lo trasformarono in residenza.

Ubicazione/Come arrivare

Via Vittorio Veneto

Informazioni Turistiche

Visitabile su richiesta: tel. 0547 51032 / 0547 51151

Descrizione

Il restauro del 2004 ha ripristinato e reso visitabile il complesso della rocca gravemente danneggiato dalle bombe della seconda guerra mondiale e dall'incuria dei decenni successivi. Oggi si possono osservare il circuito murario dalla caratteristica forma a cuore col bel portale d'ingresso in marmo e i bastioni di forma diversa protesi sulla piazza principale, e la massiccia forma triangolare del palazzo dei Malatesta di Sogliano poi degli Spada.

All'infuori delle antiche città, il castello di Montiano è uno dei più antichi della Romagna: già esistente nel IX secolo, perviene in possesso dell'Arcivescovo di Ravenna nell'895 e ne rimane un baluardo, lungamente conteso dai comuni di Cesena e di Rimini che più volte lo occupano. Appartenente al Comune di Cesena nella seconda metà del ‘400, dopo l'occupazione del Valentino perviene allo Stato della Chiesa che lo concede in feudo ai Malatesta di Sogliano nel 1566 che trasformano il castello in senso residenziale. Dopo che nel 1639 gli Spada subentrano ai Malatesta appena estinti, alla fine del secolo il castello torna definitivamente allo Stato della Chiesa e inizia una lenta decadenza.

Cronologia

Dal XV-XVI sec. d.C.

Bibliografia

R. ZOFFOLI, La valle del Rubicone Urgòn, Cesena 2006, p. 12-17.

M. SASSI, Castelli in Romagna, Cesena 2005, p. 143.

http://www.comune.montiano.fc.it/amm/allegati/95_LaRoccaMalatestian.pdf

http://www.terredelrubicone.it/italiano/edifici-scheda.php?id=138

Mappa

Itinerari collegati

Le città murate della valle del Rubicone e della valle dell'Uso
  • Tipo storico-archeologico
  • Nazione Italia
  • Regione Emilia-Romagna
  • Provincia Forlì-Cesena

A nord della valle del Marecchia, si allineano quelle del Rubicone e dell’Uso. Lungo il percorso sorgono una serie di borghi, che furono fortificati nel basso Medioevo e il Rinascimento. Le più antiche testimonianze risalgono all’età romana. In seguito l’autorità ecclesiastica sviluppò importanti infrastrutture, che divennero importanti centri di aggregazione per le comunità rurali. Più tardi arrivarono le famiglie aristocratiche riminesi e dei Montefeltro a realizzare complessi fortificati.

Segretariato regionale del Ministero per i beni e le attività culturali per l'Emilia-Romagna
C.F. 91220990377 - codice iPA per fatturazione elettronica: BQ9N1I
Strada Maggiore, 80 - 40125 - Bologna - Italia
Tel. 39 051 4298211 - Fax. 39 051 4298277

Lun-Ven: 9.00-17.00

e-mail: sr-ero@beniculturali.it - mbac-sr-ero@mailcert.beniculturali.it

  
fb
icon youtube icona twitter