Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Emilia Romagna

18 - Bologna - via Roma

di Chiara Magalini
Bologna, via Roma
Bologna, via Roma, Palazzo Lancia Bologna, via Roma, Palazzo detto "Faccetta Nera" Bologna, via Roma, Palazzo detto "Faccetta Nera", particolare
Tipo
settore urbano
Nazione
Italia
Regione
Emilia-Romagna
Provincia
Bologna
Comune
Bologna
Data compilazione
2007

Abstract

Il tracciato di via Roma, attuale via Marconi era contemplato nel piano regolatore del 1889, che prevedeva il risanamento di una delle aree più malsane del centro di Bologna e la sostituzione di via delle Casse con un più ampio asse di scorrimento. Con la variante al piano regolatore del 1927, l'amministrazione fascista realizzò, tra il 1932 e il 1936, una moderna via di collegamento tra la stazione ferroviaria e il centro fiancheggiata su lato occidentale da rappresentativi edifici.

Ubicazione/Come arrivare

Via Guglielmo Marconi

Informazioni Turistiche

libero accesso

Descrizione

Il tracciato di via Roma, attuale via Marconi era già contemplato nel piano regolatore del 1889, che prevedeva il risanamento di una delle aree più malsane del centro di Bologna, e la sostituzione di via delle Casse con un più ampio asse di scorrimento nord-sud che andava a innestarsi perpendicolarmente nel tratto urbano della via Emilia, costituito da via San Felice e via Ugo Bassi.

Un primo tratto, tra la stazione dei treni e via Riva Reno, fu risanato e inaugurato già prima del 1915. Il progetto fu poi ricompreso nella variante al piano regolatore redatta nel 1927, voluta dal podestà Leandro Arpinati e l'amministrazione fascista vi scorse l'occasione per creare un nuovo polo urbanistico, incentrato sul nuovo asse di collegamento, moderno e monumentale, tra la stazione ferroviaria e il centro, alternativo a via Indipendenza.

Tra il 1932 e il 1936, con l'abbattimento degli edifici dell'antico Borgo delle Casse e la copertura dei canali Reno e Cavaticcio, il tracciato di via Roma venne completato e furono costruiti alcuni edifici sul lato occidentale della strada, fino all'attuale Largo Caduti del Lavoro.

Nel 1936 l'amministrazione indisse un concorso nazionale per la progettazione urbanistica del lato orientale di via Roma e per risolvere il nodo viario alla confluenza di via San Felice, via U. Bassi e Piazza Malpighi. Furono dichiarati vincitori tre progetti ex aequo, tra i quali quello presentato dal gruppo guidato da Piero Bottoni ebbe grande fortuna sulla pubblicistica specializzata. I tre gruppi vincitori vennero incaricati di redigere un progetto, insieme al vice presidente della giuria Marcello Piacentini, che venne consegnato nel 1939, ma non venne mai realizzato per la forte opposizione pubblica ai pesanti espropri e alle demolizioni previste.

Sul lato occidentale della via spiccano il palazzo del Gas, progettato da Alberto Legnani e Luciano Petrucci (civico 14), che realizzarono anche l'adiacente sede della Società Agraria Immobiliare (civico 16), e il palazzo per appartamenti detto "Faccetta Nera" (1936, civici 22-24), progettato da Francesco Santini, nel quale la semplicità e riduzione estrema degli elementi compositivi della facciata è animata da un vibrante paramento a losanghe concentriche. All'incrocio con via Riva Reno si attesta il Palazzo Lancia (1936/37, civici 28-32), di Paolo Graziani, caratterizzato dal vivace contrasto tra il paramento rosso dei piani superiori e il basamento chiaro in finto travertino, la cui torre dialoga con quella del Palazzo del Gas, costituendo uno dei tratti distintivi della prospettiva di via Marconi. L'attuale aspetto del lato orientale della via è invece caratterizzato da costruzioni realizzate per la maggior parte nel dopoguerra senza un disegno unitario.

Cronologia

1932-36

Bibliografia

G. GRESLERI, L. CAPELLINI, Bologna. Guida di Architettura, Torino 2004, p. 198

G. BERNABEI, G. GRESLERI, S. ZAGNONI, Bologna moderna 1860 - 1980, Bologna 1984, pp. 130-133

G. GRESLERI e P.G. MASSARETTI (a cura di), Norma e arbitrio. Architetti e ingegneri a Bologna 1850-1950, Bologna 2001, pp. 286-297

Mappa

Itinerari collegati

Ventennio: le cittą sulla via Emilia e la Romagna
  • Tipo architettonico - artistico
  • Nazione Italia
  • Regione Emilia-Romagna
  • Provincia Province varie

Segretariato regionale del Ministero per i beni e le attività culturali per l'Emilia-Romagna
C.F. 91220990377 - codice iPA per fatturazione elettronica: BQ9N1I
Strada Maggiore, 80 - 40125 - Bologna - Italia
Tel. 39 051 4298211 - Fax. 39 051 4298277

Lun-Ven: 9.00-17.00

e-mail: sr-ero@beniculturali.it - mbac-sr-ero@mailcert.beniculturali.it

  
fb
icon youtube icona twitter