Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Emilia Romagna

03 - Castello dei Pico a Mirandola

di Comune di Mirandola
Castello dei Pico, Mirandola
Castello dei Pico, Mirandola Castello dei Pico, Mirandola Castello dei Pico, Mirandola Castello dei Pico, Mirandola
Tipo
castrum
Nazione
Italia
Regione
Emilia-Romagna
Provincia
Modena
Comune
Mirandola

Ubicazione/Come arrivare

Castello dei Pico - P.zza Marconi n. 23. Si può raggiungere Mirandola percorrendo la Strada Statale n.12 Abetone-Brennero, che collega Modena a Verona, oppure dalle autostrade: A22 Modena Brennero, uscita Reggiolo-Rolo; A13 Bologna Padova, uscita Ferrara nord; A1 Milano Napoli, uscita Modena nord - Trenitalia - Linea ferroviaria Bologna-Verona, stazione di Mirandola.

 

Informazioni Turistiche

Castello dei Pico: aperto venerdì, dalle 16.00 alle 19.00, sabato e domenica, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00 - Tel. 0535.609995 / 26254 - info@castellopico.it - www.castellopico.it - Ufficio Informazione Turistica - P.zza Marconi n. 28 - Aperto tutti i giorni, tranne il lunedì, dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00 - Tel. 0535.610944 - uit.mirandola@tiscali.it - www.consorziomirandola.it

 

Descrizione

Comune di Mirandola
Già verso l’XI secolo Mirandola si presenta come piccolo insediamento fortificato. Dal 1311 la famiglia Pico prende possesso del castello e della città. Nei secoli, progressivamente, il castello si ingrandisce: vengono ampliate e rafforzate le fortificazioni militari, e la città acquisisce una forma a pianta ottagonale. All’inizio del diciottesimo secolo città e castello sono teatro di eventi che determinano la fine della dinastia pichiana. L’11 giugno 1714 rappresenta senz’altro la data più nefasta nella storia del castello, per la forte esplosione di un poderoso torrione adibito a deposito di polveri da sparo, pare a causa di un fulmine. La deflagrazione compromette gran parte del complesso. Tra Ottocento e Novecento il castello subisce diverse alterazioni. Del nucleo architettonico originario ancora oggi esistente, va segnalata la facciata della “Galleria Nuova”, loggiato chiuso da due corpi laterali sporgenti. L’altra parte di rilievo è costituita da quanto rimane del secentesco Palazzo Ducale. Nel locale al piano seminterrato dell’edificio è allestito il Museo del Castello e al piano terra s’incontrano gli spazi attrezzati per mostre temporanee. La “Galleria Nuova” ospita un auditorium, circondato da sale per esposizioni. Un giardino a piano rialzato sorge dove anticamente si trovava un bastione delle mura. Entro la parte che costituiva il Palazzo Ducale si trova la grande sala detta dei “Carabini”, sede del Museo Civico.

Visita al centro storico
Mirandola è la città natale di Giovanni Pico, importantissimo filosofo umanista. Nel ristrutturato complesso architettonico del Castello dei Pico, il visitatore potrà accedere, in ogni periodo dell’anno, a mostre temporanee a tema e visitare il Museo Civico. La cittadina, dalla caratteristica pianta a stella, racchiude, nel suo elegante centro, diversi edifici e chiese storicamente rilevanti, tra cui la Chiesa di San Francesco che accoglie alcune tombe dei Pico e la Chiesa del Gesù, di età barocca, dalle splendide e monumentali ancone lignee.

La natura e i percorsi
Le valli mirandolesi, sancite in ambito comunitario Zona a Protezione Speciale (ZPS) per la protezione dell’avifauna, costituiscono un vero e proprio tempio per il birdwatching. Presso le valli è possibile avvalersi di molteplici servizi quali il noleggio di biciclette e audioguide, o ricevere informazioni naturalistiche da personale specializzato. Presso la frazione di Quarantoli è visitabile un’importante pieve romanica inserita nel circuito internazionale Transromanica.

Enogastronomia
Considerata la patria dello zampone, la cucina mirandolese eccelle per i suoi saporiti ragù, per gli arrosti a base di carne di maiale e di animali da cortile, per i piatti a base di cacciagione e per la pasta all’uovo tirata a sfoglia, nei suoi tipici formati di “maccheroni al pettine”e tagliatelle.

Da non perdere
Festa di Primavera: Domenica successiva alla SS. Pasqua
Fiera di Maggio: 3a settimana di maggio
Fiera Agricola Gastronomica: 3a settimana di luglio
A cena coi Pico e Mirandola Buskers Festival: Penultimo w-end di agosto
Fiera Mercato di Francia Corta: 3a domenica di novembre
‘Pcaria in Piazza: 1a domenica di dicembre
 

 

Cronologia

XI secolo

Mappa

Itinerari collegati

16 Castelli Modenesi da riscoprire e visitare
  • Tipo castrum
  • Nazione Italia
  • Regione Emilia-Romagna
  • Provincia Modena

Segretariato regionale del Ministero per i beni e le attività culturali per l'Emilia-Romagna
C.F. 91220990377 - codice iPA per fatturazione elettronica: BQ9N1I
Strada Maggiore, 80 - 40125 - Bologna - Italia
Tel. 39 051 4298211 - Fax. 39 051 4298277

Lun-Ven: 9.00-17.00

e-mail: sr-ero@beniculturali.it - mbac-sr-ero@mailcert.beniculturali.it

  
fb
icon youtube icona twitter